Il Napoli di Rafa Benitez

Accostandosi all’analisi tecnico-tattica di Rafa Benitez, si percepisce immediatamente un’attenzione scrupolosa per i dettagli e una filosof...


Accostandosi all’analisi tecnico-tattica di Rafa Benitez, si percepisce immediatamente un’attenzione scrupolosa per i dettagli e una filosofia di fondo che permea il suo modulo.

L’allenatore spagnolo è aduso a visualizzare più e più volte le immagini chiave delle situazioni di gioco per studiare le possibili contromosse da applicare, nelle partite successive, a parità di condizioni. Nulla è lasciato al caso, al punto da utilizzare appositi applicativi per elaborare i dati raccolti tra allenamenti e partite per generare: dai piani per la programmazione degli allenamenti, alle esercitazioni tattiche, fino ai movimenti da eseguire in partita (prevedendo oltre i movimenti attesi anche una serie di movimenti quali possibili alternative a quelli previsti).


L’essenza del gioco di Benitez si basa su organizzazione, costruzione del gioco e rapida finalizzazione. Molto palleggio a differenza del precedente Napoli di Mazzarri.


Osservando il suo gioco balzano agli occhi:

  • la costruzione articolata del gioco, il comportamento si riflette con una rete di passaggi corti, senza tuttavia che ne risulti qualcosa di simile al lento tiki taka del Barcellona, infatti la costruzione è piuttosto rapida e ristagna solamente quando le squadre avversarie, molto chiuse, non lasciano spazi per le triangolazioni nello stretto; 
  • la velocità e mobilità dei trequartisti, come detto ai passaggi corti non corrisponde lentezza di manovra, il rapido scambio di posizione dei trequartisti consente l’apertura degli spazi necessari per le incursioni in area, non è raro vedere che gli uomini di Benitez arrivino a fare un triangolo anche in piena area avversaria. 
Altro elemento fondamentale è la presenza del regista cui affidare il “timone” della propria nave. Il ruolo di Lampard al Chelsea, nel Napoli viene interpretato da Inler, da Dzemaili oppure da Hamsik (che però è preferibile vedere sulla trequarti), accanto a uno dei tre, è previsto un centrocampista che abbia caratteristiche da vero mastino, nel Napoli, questa figura calza alla perfezione nelle doti di Behrami.
Il suo ‘credo’ tattico è improntato, solitamente, sullo schema che, negli ultimi tempi, va per la maggiore: il 4-2-3-1. Ma accade, non di rado, che Rafa adatti il proprio modulo all’avversario.


Vediamo come implementarlo con l’editor messo a disposizione da FIFA. Partiamo dal modulo 4-5-1.


Posizione base



Gli elementi utilizzati sono quattro in linea (TD, CD, CS, TS), una cerniera di centrocampisti solidi (CC e CDC) e tre centrocampisti d’attacco (COD, COC, COS), per rifornire una punta, dotata di tecnica e movimento (ATT). I difensori sono abbastanza bassi, compresi i fluidificanti, e questa è una peculiarità di Benitez. Per collocare i centrocampisti nelle posizioni di CC e CDD è necessario allontanarli fino a farli diventare ED e ES per poi riavvicinarli facendogli assegnar la posizione più appropriata.


Rendimento giocatore



I difensori sono impostati in modo asimmetrico, uno spinge di più, l’altro è più bloccato. I centrocampisti fanno: l’uno (in posizione CC) un lavoro intenso in avanti e indietro, l’altro lavora un po’ di più in copertura.
I trequartisti fanno molto movimento in avanti e un lavoro meno intenso in fase difensiva (ciò non toglie che la squadra rimanga sempre molto corta).
Il movimento dell’ATT è volto, alternativamente, a suggerire l’assist in profondità oppure a creare lo spazio per gli inserimenti.
 

Posizione giocatore




I terzini spingono in modo differente, a seconda che si tratti di Mesto, Maggio, Zuniga, tuttavia abbiamo graduato questa opzione dal rendimento mentre le frecce rimangono in avanti sia per il TD che per il TS.
I due che costituiscono la cerniera di centrocampo fanno un lavoro un po’ diverso tra loro, il CDD presidia maggiormente la zona antistante i difensori, mentre il CC scorrazza avanti e indietro alternandosi tra il contenimento e l’impostazione del gioco. I tre (COS, COC, COD), spingono in avanti, per simulare il loro avvicendamento rispetto alle impostazioni di parenza, ci siamo avvalsi dell’incrocio (come si evince dall’immagine). Infine, lo ATT rientra in fase difensiva per tenere la squadra corta e avanza in fase offensiva.


Tattica personalizzata




La costruzione della manovra la impostiamo su una notevole velocità, passaggi corti, e, naturalmente, organizzata. Nella costruzione occasioni i passaggi saranno rischiosi, il ricorso ai‘cross è frequente, anche se, spesso, non si tratta dei cross convenzionali, ovvero quelli dal fondo, ma di cross dalla “trequarti”;
Il parametro posizione è quello che ci consente di giostrare meglio la “creatività” dei giocatori mossi dalla CPU, per questo la impostiamo su libera. Nella fase difensiva viene fuori il fattor comune con altri 4-2-3-1 moderni, infatti il pressing è piuttosto alto, il raddoppio frequente, la squadra compatta, la linea difensiva la impostiamo in copertura perché le squadre moderne raramente fanno ricorso esclusivamente o prevalentemente al fuorigioco.

Perché questa tattica possa rendere al meglio, l’atteggiamento di gioco andrebbe impostato su offensivo, naturalmente, allorquando si intende controllare la partita, si può passare su equilibrato, tuttavia è consigliabile, qualora si voglia protare a casa un risultato, magari una volta raggiunto il 2-0, si può optare per togliere un trequartista a favore di un interditore e passare ad un 4-3-3 più coperto.

Conclusioni


Un modulo brillante, divertente, ideale per giocare a viso aperto nelle partite tra amici ma anche utile nelle stagioni e amichevoli online.
Occorre tener presente che il baricentro del gioco, con questo modulo, è molto avanzato, tuttavia in fase possesso palla si creano per il player molte alternative di passaggio e soluzioni di tiro. Naturalmente attenzione ai rovesciamenti di fronte nell’ambito dei quali il movimento offensivo può aver portato fuori posto più di un giocatore.

Related

Tattiche 7771135752598488174

Posta un commento

  1. Bravissimi!
    Sito straordinario. Rinnovato alla grandissima e con stile.
    Complimenti!.

    Fabio

    RispondiElimina
  2. Molto bravi!
    Sito veramente ben ordinato stupendo!
    Tifoso del Napoli alcuni consigli: la Roma di Garcia potrebbe farsi :P
    Complimenti sul serio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Garcia è "osservato speciale" :-)

      Elimina
  3. buonissima tattica, gioco veloce, numerose vie di passaggio e pressing talmente "pressante" che in vari casi l'avversario è costretto a lanciare il pallone senza una direzione precisa XD

    RispondiElimina
  4. Vorrei il Genoa di Gasperini,quello che con Milito e Thiago Motta praticava un calcio scoppiettante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il Genoa di Gasperini ci sarà, anche perchè i genoani (ma in generale color che apprezzano calcio di gasperini) che ce lo hanno richiesto non sono pochi!!! :)

      Elimina
  5. Complimenti per il nuovo sito...Vorrei vedere anche io il Genoa di Gsperini!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti! prendiamo nota...

      Elimina
  6. Scusate per informazione ma insigne e callejon devono stare larghissini o stretti?? E poi un altra cosa ma per far scambiare di posizione i rrequartisti come devo fare?? Grazie in anticipoo

    RispondiElimina
  7. La Roma di Garcia!! Per Favore & Complimenti.. Anton

    RispondiElimina
    Risposte
    1. stiamo monitorando la Roma di Garcia, prendiamo nota :-)

      Elimina
  8. Scusate per informazione ma callejon e insigne devono stare larghi o stretti?? E poi per far scambiare le posizione dei trequartisti come devo fare??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insigne e Callejon devono giocare larghi, per scambiare le posizioni in fase d'attacco devi lavorare con il setting "posizione giocatore", mettendo per il trequartista di sinistra la freccia in fase di attacco verso il basso e viceversa per il trequartista di destra.

      Elimina
  9. In che senso verso il basso? Verso sotto??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le freccie del setting - posizione del giocatore - devono essere in fase di attacco verso il basso (verso sotto) per il trequartista di sinistra (quello in alto dei tre) e verso l'alto (verso sopra) per il trequartista di destra (quello in basso dei tre)

      Elimina
    2. E cosi cambierebbero da soli posizione?

      Elimina
  10. Rispondeteee peroooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a quale domanda ? putroppo se commentate come anonimo non riusciamo a collegarvi alle richieste !

      Elimina
  11. Ma a me non me li fa mettere COD E COS ma ED e ES

    RispondiElimina
    Risposte
    1. va bene uguale se la posizione base giocatore è la stessa, l'importante sono rendimento e posizione del giocatore

      Elimina
  12. Ragazzi potreste dirmi fra quanto sara pronta la roma di rudi garcia GRAZIE

    RispondiElimina
  13. Complimenti per il modulo! io avrei una domanda, probabilmente banale: una volta che ho impostato la tattica personalizzata per una squadra, devo anche selezionarla durante la parita sulle "tattiche veloci"?

    RispondiElimina
  14. Esatto! Devi selezionarla tra le tattiche veloci, in questo modo la puoi adottare durante la partita.

    RispondiElimina
  15. Bisogna selzionarle nelle tattiche veloci le tattiche che crei non lo sapevo...

    RispondiElimina
  16. Ho comprato lavezzi al man city, volevo sapere se insieme ad aguero possono fare i trequartisti laterali con isco trequartista centrale e prima punta dzeko?

    RispondiElimina
  17. Più che altro e buona per i contropiedi avendo appunto baricentro avanzato si subisce molto in difesa ... Poi bisogna saper utilizzare questo 4-2-3-1 senno non è vero che si creano molti situazioni di tiro....

    RispondiElimina
  18. solo io seguo ancora? haha 😆 siete bravissimi! vi chiederei di pubblicare il milan del grandissimo ancelotti!

    RispondiElimina

emo-but-icon

Be social

FIFA RELOADED CHANNEL

Scarica la guida gratis

item